venerdì 25 gennaio 2013

Il microonde uccide l'acqua... e che altro?





TERRA REAL TIME: Il microonde uccide l'acqua... e che altro?
Ecco un progetto scientifico eseguito da una ragazza in una scuola secondaria in Sussex (Inghilterra). Ha preso dell'acqua filtrata e l'ha divisa in due parti. La prima parte l'ha portata ad ebollizione mediante fornello tradizionale, mentre la seconda, mediante un forno a microonde. Poi, dopo il raffreddamento, ha usato l'acqua per due esperimenti identici, bisognava rilevare se ci sarebbero state differenze nella crescita di una piantina innaffiata con acqua bollita normalmente e con acqua bollita in un forno a microonde.Si pensava che la struttura o l'energia dell'acqua potesse essere compromessa dal microonde. Così è stato, anche lei è rimasta sorpresa dalla differenza. L'esperimento è stato ripetuto dai suoi compagni di classe un certo numero di volte e ha avuto sempre il medesimo risultato.


Il problema è noto da alcuni anni e riguarda qualsiasi forno a microonde, non è il tipo di radiazioni usate a preoccupare, ma è come si distrugge il DNA del cibo in modo tale che il nostro corpo non riesca a riconoscerlo.
Qualunque cosa si mette nel forno a microonde subisce lo stesso processo distruttivo. Il Microonde agita le molecole che si muovono più velocemente e questo movimento provoca attrito che snatura l'originale costrutto della sostanza. Essa si trasforma in vitamine, minerali e proteine distrutte...generando dei nuovi materiali chiamati "Composti Radiolitici", cose che non si trovano in natura!!!


Così il nostro organismo per proteggersi, avvolge questi composti radiolitici in cellule di grasso cercando di eliminarli in fretta. Pensate a tutte le persone che riscaldano il proprio cibo in questi apparecchi "sicuri". Che dire dell'infermiera in Canada che scaldava il sangue nel microonde per la trasfusione ad un paziente che poi "accidentalmente" è stato ucciso....I produttori di microonde dicono che è sicuro, ma la prova è nelle immagini delle piantine che muoiono!

Nessun commento:

Posta un commento